Aspiriamo all’amore per tutta la vita e, quando lo troviamo, esso si traduce in poesia. In
pratica è un vero e proprio matrimonio tra il cuore e la mente e le fedi nuziali sono i versi del
sì lo voglio, stiamo insieme per sempre.

Sentimento universale, l’amore compone i versi del nostro essere che hanno bisogno di un pubblico per essere declamati e ascoltati. Qualcuno che sia pronto a coglierne tutte le sfumature per abbracciarle, sostenerle, condividerle.

Quando succede abbiamo trovato la nostra metà che è dolce perché ci comprende, ci ascolta e accoglie la poesia abbozzata nel cuore.

L’amore e la poesia, visti da questa prospettiva, costituiscono il matrimonio e lo scambio
delle fedi nuziali. Quando riusciamo a esprimere in versi il nostro cuore, facendo sì che arrivino al cuore di un nostro simile, abbiamo reso concreto un atto di fede. Fiducia in sé stessi e fiducia nel proprio sposo o sposa.

Ci vuole impegno nel rapporto di coppia così come ce ne vuole nel comporre i versi di una
poesia. Per cantare, in armonia, i moti spontanei e meravigliosi del cuore serve una mente capace di vederli e condurli lungo un percorso a due.

La poesia racconta l’amore

Nella poesia si scelgono con cura le parole per esprimere, nell’amore si sceglie con cura
la persona alla quale aprire il cuore. È nella scelta, lucida e ragionata, l’incontro tra cuore e mente, attraverso la metrica e il matrimonio. Scegliere, scegliersi ogni giorno. Il sì è ogni giorno, nelle piccole cose.

La poesia racconta l'amore

La poesia racconta l’amore

 

L’amore è fatto di tante piccole cose e la poesia le racconta tutte facendo di frammenti
sparsi un matrimonio che unisce e completa. Questo sono l’amore, la poesia, il matrimonio e che sono espresse con semplicità e intensità da grandi poeti e poetesse.

 

Un esempio tra tanti, Emily Dickinson:

Che sia l’amore tutto ciò che esiste       

Il matrimonio unisce e completa

Il matrimonio unisce e completa

di Emily Dickinson
Che sia l’amore tutto ciò che esiste
È ciò che noi sappiamo dell’amore;
E può bastare che il suo peso sia
Uguale al solco che lascia nel cuore

That Love is all there is
That Love is all there is,
Is all we know of Love;
It is enough, the freight should be
Proportioned to the groove

I versi poetici di Emily Dickinson sono il matrimonio dell’amore puro per l’amore, in tutte le
sue forme.

Una curiosità. Emily Dickinson non si sposò mai eppure il suo cuore e la sua mente erano
sempre pronti per l’amore e, pur pensando spesso e costantemente alla morte, vestiva sempre di bianco. Chissà se esiste un vestito da sposa alla Emily Dickinson e, soprattutto, come si realizza?

Rita Fortunato – alias ParoleOmbra

La poesia nei gesti d’amore

Che sia l’amore tutto ciò che esiste

Sono i versi di Emily, citati da Rita, che spiegano il motivo per cui probabilmente lei non si sposò mai. L’amore, quello vero ed intenso, quello che da un senso a tutta la vita, quello che ti fa respirare forte, forse lei non lo incontrò mai. O forse sì ed il solco di cui parla le ha reso impossibile amare di nuovo.

Amare è un dono, è un regalo che la vita ti fa e quando questo accade è la vita stessa che cambia. Due percorsi diversi diventano uno, i desideri diventano uguali, si pianifica il futuro insieme.

Amare è prendersi cura dell’amato con dolcezza e lasciarlo libero di scegliere di esserci sempre, ogni giorno.

E quando due amanti si scelgono più e più volte, è allora che il loro destino diviene unico. Ci si sceglie per sempre. Ci si sceglie per la vita con il matrimonio.

amare è scegliersi ogni giorno

Amare è scegliersi ogni giorno

Il giorno del matrimonio ha un’importanza che va oltre la celebrazione del rito religioso o civile, quindi. In quel giorno dichiari il tuo amore, scegli per la vita, decidi di dedicare la tua esistenza ad un’altra persona, nel bene e nel male, di sostenerla sempre e, con lei, di dare la vita ai tuoi figli.

L’abito della sposa è parte di una poesia d’amore

L'abito da sposa è parte della poesia d'amore

L’abito da sposa è parte della poesia d’amore

Se dovessi dire che forma ha l’amore ti risponderei che ha lo sguardo delle mie clienti quando si guardano allo specchio con il loro abito da sposa. Ti assicuro è davvero un momento di poesia. In quell’attimo realizzano che sono delle spose, che stanno per dire sì, che da lì a pochi giorni si sveglieranno ogni mattina tra le braccia dell’uomo che amano. Gli occhi si illuminano dolcemente, le labbra si tendono in un sorriso emozionato, lo sguardo si perde nella profondità dello specchio, chissà dove sono. In quel momento i suoni e le chiacchiere del salone di prova per loro scompaiono e bisogna attendere qualche minuto prima di vederle tornare.

Prendere parte a tutto questo mi fa sentire un’eletta. L’abito della sposa non è solo un vestito, è una parte di quella donna e del suo amore. In quell’abito lei esprime se stessa, le sue aspettative e la sua felicità. Quel vestito la accompagnerà all’ingresso della sua vita nuova, lasciandola nelle mani dello sposo.

Ci pensi che responsabilità sia vestire la sposa? Ci devi mettere amore, lo stesso che ci mette lei nel dire si e lei ti ricorderà per sempre assieme al vestito che le hai cucito.

 

 

L’abito da sposa di Emily

Emily la vestirei di colori pastello. Per lei prenderei in prestito l’azzurro del cielo, come per il vestito da sposa di Ariel, ed il bianco delle margherite e la avvolgerei in una nuvola morbida. Sarebbe un abito ampio, ottocentesco, con un corsetto in sangallo bianco, stringato e scollato ed una gonna larga, con decine di strati di leggerissimo tulle di seta azzurro.

Ma chissà se ad Emily piacerebbe la libertà dei colori mia cara Rita.. <3

Elena Barba – alias Ateleba Sposa

 

 

 

Rita Fortunato

 

Elena Barba

 

 

 

Elena Barba