Tutto è concesso ?

Eh sì! Alla sposa tutto è concesso, anche scegliere un abito da sposa colorato, l’importante è fare sempre e comunque una scelta di buon gusto.
Nella scelta dell’abito da sposa tanti sono i fattori che entrano in gioco, non ultimo il suo colore.
Nella mia sartoria, già da oltre 20 anni, il tradizionale bianco candido ha lasciato il posto al dolce e caldo avorio e tutte le sue sfumature, dal bianco seta all’ecru, rientrano tra le possibili variabili in gioco.
Certo, ogni anno le passerelle internazionali ci regalano immagini di una sposa sempre più moderna, presentandoci abiti in colori sgargianti, come il rosso ed il fucsia della collezione di Vera Wang del 2013, oppure il bianco e nero che abbiamo visto in più di una collezione passata.

Il colore e la tradizione

Il classico abito bianco, ormai molto meno usato che in passato, era segno di purezza e soprattutto di castità. Tutti ricordano che non era infatti lecito per le spose “in attesa” portare l’abito bianco, appunto virginale. Oggi le cose sono cambiate e per fortuna ognuno sceglie in base al proprio gusto e non a seconda delle circostanze. In ogni caso il colore bianco sembra ormai in molti casi aver ceduto il passo rispetto alle sfumature di colore e alle tonalità tenui o decise che siano. La sposa è sempre al centro della cerimonia, ma non è più soggetta a seguire le regole scritte su un copione accettato e culturalmente tramandato. Il colore è espressione, carattere, volontà.

Quale colore per il mio abito da sposa?

La decisione giusta dipende sia dallo stile del ricevimento che dal carattere e dalla personalità della sposa.
Ogni scelta, infatti, nell’organizzazione del proprio matrimonio dovrebbe seguire un filo conduttore, un tema. Se ad esempio si è deciso per un ricevimento di tipo classico, optare per un abito dai colori troppo forti, potrebbe non essere la decisione migliore.
Colori forti, come il rosso, il viola ed il nero, certamente sono una scelta possibile soltanto per donne decise e sicure che intendono dare un tocco di eccentricità al proprio matrimonio e che amano stupire ad ogni costo, magari noleggiando una location in stile Vittoriano, con carte da parati damascate in oro e arredi d’epoca.
I colori pastello invece sono estremamente dolci e raffinati e adatti a spose romantiche e chic, perfetti direi per i matrimoni in primavera, la stagione degli innamorati, perfetti per i ricevimenti in giardini.

La nostra proposta: il rosa cipria

Tra questi il cipria è il colore elegante per antonomasia, una tonalità di rosa che sfuma nell’avorio con effetto pelle d’angelo; è un colore discreto ed originale allo stesso tempo, che rende un abito da sposa raffinato e sofisticato, chic e non shock.
Cipria è un pastello che si adatta alla maggior parte delle carnagioni e con il suo calore rende armonioso qualunque look. È perfetto per le rosse, delicatissimo per le bionde, davvero ricercato per le brune.
Ecco perché, secondo me, non poteva mancare nella collezione 2015, un abito da sposa cipria. Il corpetto è semitrasparente, ma la possibilità di foderarlo completamente per chi non ama le trasparenze lo rende molto versatile; il pizzo chantilly è appena ricamato in cristallo ed il fiore sulla cinta in vita gli attribuisce una delicata armonia che sottolinea con eleganza le forme del corpo.

Abito-da-sposa-cipria-Napoli-Vomero-Ateleba-Sposa

 

Vieni a provare gli abiti da sposa a Napoli che confezioniamo su misura nel nostro Atelier al Vomero.